30 luglio 2012

Lettera aperta al mio ginocchio. Caro ginocchio, mi spieghi perchè durante tutto l'anno di partite e allenamenti e corse in bicicletta non mi hai mai dato problemi e mi impedisci di dormire adesso che sono a riposo da due mesi? Il senso della logica te l'ha distribuito madre natura, si? Lettera aperta ad Aldo Montano. Caro Aldo, secondo me, parere personale, dovresti fare meno serate e meno lo splendido e allenarti di più, più umilmente. Lettera aperta a Trottolina. Cara Trottolina. Tu hai quasi 40 anni ma ne dimostri 20. Sulla spiaggia tutti guardano sempre e solo te e noi siamo sempre pieni d'orgoglio. Non hai mai fallito una prova costume, non ti sei mai rovesciata malgrado, specialmente io, ti abbia messo alla prova svariate volte. Non mi hai mai guardata con disprezzo, neanche quando ho sbroccato fuoribordo, i troppi Gin Lemon della sera prima. Tu hai fatto finta di nulla. Non l'hai raccontato a mia madre. E quando abbiamo deciso di cucirti un pomodoro sulla vela tu ti sei prestata al gioco, perchè lo sapevi che non saresti mai diventata ridicola, ma solo simpatica. Più simpatica. Sei la barchetta più simpatica dell'Adriatico. Ti vogliamo bene, Trottolina. 
Etichette:

3 commenti:

Valentina V. ha detto...

Trottolina. ^^

Ad Aldo Montano lo dico ogni anno ma ogni anno fa come gli pare... speriamo che a te dia retta!

danske ha detto...

quando ricominci il ginocchio guarirà, poteva andare peggio alla fine questo timing non è male.

crimson74 ha detto...

Alla fine, affari suoi (di Montano): adulto e vaccinato, alla terza Olimpiade, sa quello che bisogna fare o meno per vincere...