13 luglio 2012


Brucia ancora. Che prima o poi ritornerò. Conservo di nascosto sempre lo stesso smalto. Non temere. Zeta reticoli on my mind.(cit) Mi rendo conto di saper scrivere tante cose... ma di questo proprio non so scrivere. Di questo non so neanche pensare. Chi sei tu. Che faccio qui. Scusi, ha l'accendino dell'Olympiakos? No ma ho quello del Panatinaikos. Eh. Then you have to say no, thanks. Questa è la prima frase in greco che mi è servita davvero. Sei un bravo insegnate. Prima delle 7 ore di traghetto chi l'aveva fatto mai un sudoku? L'ouzo. Parliamone. Ouzeri ce ne dovrebbero essere in tutt'Europa, d'appertutto. Ma guarda fa schifo. Ma guarda dopo il terzo bicchiere andrà giù come niente. E' vero. E' proprio vero. Anche te dopo il terzo bicchiere mi sembrava quasi di conoscerti. Sembrava quasi normale aspettarti dopo l'allenamento e fare il purè per passare il tempo. Rosmarino. Dove hai trovato il rosmarino? Nel tuo giardino. Mi hai convinto a riprovarci con mio padre. Tu dici spesso le cose giuste. I wanted to fuck you before and after knowing this I want to fuck you even more. Non sono sicura di ricordare a cosa ti riferissi. Io non sono sicura di molte cose. Ma anche se non fosse amore, non per questo è da buttare.(cit)
Etichette:

3 commenti:

Gua-sta Blog ha detto...

Se penso ai tuoi tristi post di qualche mese fa... ahhh che bella la vita! Nuovi posti, nuovi compagni, nuovi modi per ubriacarsi, nuovi interrogativi...

danske ha detto...

quando penso a QUEI meganoidi mi sale il magone.

i3/4 ha detto...

@Guasta. Ebbene si. Mi sono ricreduta sulla vita. Dopo averla insultata e disprezzata tantissimo. Il bello è che lei non ti porta mai rancore.
@Danske. A me in egual misura.