16 settembre 2012

Picnic alle 5. Anzi quattremmezza. Trenta minuti di sole in più fanno la differenza a queste latitudini. Tu porta il succo che io porto la torta. E le buone maniere. Ho il sole negli occhi e mi passi i tuoi occhiali. Ma non me n'ero accorta di avere il sole negli occhi. Sono perplessa. Sicuro che ce l'avevo? A proposito di buone maniere... come ci si siede sull'erba in un parco secondo etichetta? Casa tua, ragazza, somiglia un pò al circo. Hai ragione, ragazzo, proprio come la mia vita. Venerdì in centro ho visto un elefante. Ah davvero? Sicuramente era un elefante di Tivoli. Ma tu credi sempre a tutto quello che ti raccontano? Purtroppo, si. Non penso mai che la gente mi possa mentire. Te lo ricordi lo scherzo delle lumache che ti abbiamo fatto in Grecia? E chi se lo scorda più. Abbiamo riso per una settimana. A proposito. Se avessi le palle ti chiederei: quei 250 km veramente li avevi fatti per me? Non dovrei credere a tutto quello che mi dicono. Che immagini mi mandi? Guarda la scimmietta trapezista. Anche io sto facendo un pò da trapezista, da un paio di mesi. Ma se trovo il coraggio e mi butto... tu poi mi prendi? 
Etichette:

2 commenti:

Gua-sta Blog ha detto...

Qui sembra una soap opera...insomma ma come andrà a finire...
Attenta a non spezzare troppi cuori.

danske ha detto...

eggià, anche io credo sempre alla verità delle cose che mi dicono. sono migliore di loro.