05 febbraio 2012

Ecco la storia come ce l'ha raccontata lei stasera: sfogliavo un quotidiano gratuito quando ho letto un annuncio: "compriamo due pappagallini". Non so perchè ma non ho capito che li compravano ma che li vendevano e allora ho chiamato. Buongiorno, vorrei due pappagallini. Ma come, siamo noi che vogliamo due pappagallini. Ah mi devi scusare, ho letto male. Poi quella ha iniziato a dirmi che era disperata, che aveva ospiti per il caffè e che era disperata, che cercava qualcuno per aiutarla con le pulizie quel giorno, era veramente disperata. Così le ho detto che ci avrei pensato io. Ho chiamato i miei amici ma nessuno poteva aiutarla. Sembrava così disperata... allora ho chiamato al lavoro e detto che non sarei potuta andare quel giorno. E poi sono andata da lei. L'ho aiutata a passare l'aspirapolvere e a tenere d'occhio il dolce nel forno. Con questa persona sono ancora in buoni rapporti. Storie vere scambiate di sabato sera. Anina. Groenlandese. 
Etichette:

4 commenti:

Gua-sta Blog ha detto...

Groenlandesi moderni samaritani. Guarda te il mondo come evolve...

Erbalupina ha detto...

Meraviglia. Anche qui, due pagine e poi le regaliamo ad annina. Insieme alla ragazza che scende dal treno.
Ma io mi chiedo, si può veramente desiderare una vita diversa da questa??? Andiamo, seriamente.

Valentina ha detto...

Sembra l'incipit di un film... :D

Aleja ha detto...

Alla fine li avete comprati i pappagallini ?