12 giugno 2012

Il suo quarto d'ora di notorietà probabilmente non l'aveva immaginato così, questa bellissima ragazza lettone finita sul Corriere. Passata da amante a vittima di un uomo che non ha visto altre vie d'uscita. Un nome. Qualche dettaglio sul suo passato e sul suo presente. Delle foto su cui i suoi familiari lontani la piangeranno per il resto della loro vita. Poi niente.  E la famiglia dell' uomo? Come si piange un marito che scopri morto e infedele lo stesso giorno? Come si piange un padre che scopri bugiardo. Estremamente bugiardo? Fa molto Le fate ignoranti eppure è la realtà. Mi ricorda la storia, cruda ma vera, della mia amica danese T. Che un giorno scoppiò a piangere e mi raccontò tutto su suo padre. Suo padre ingeniere rispettabile. Molto rispettabile. Tanto che sta fuori 2-3 settimane per lavoro, sulle piattaforme petrolifere dell'Asia, e tutti lo rispettano. La moglie fisioterapista e innamorata lo aspetta a casa. Coi cani e i bambini e questo per 20 anni. Forse 25. Poi un giorno arriva una lettera. Dalle tasse. Chiedono informazioni sulla casa in Spagna del marito. Ma lui non ha nessuna casa in Spagna... cercano di convincersi. Eccome. E quella casa non è mica vuota. Dentro c'è un'altra vita, di un'altra famiglia. Una convivente russa e la loro figlia quasi 18enne. Anche loro lo aspettano, ogni 2-3 settimane. Lui è un grande ingeniere. Rispettato. Questa storia per fortuna non è finita nel sangue. Le ferite dell'anima non sanguinano. Però che schifo. Amici miei che schifo. Che schifo. Io compassione per gente così non ne ho. No che non ne ho. 
Etichette:

4 commenti:

crimson74 ha detto...

Già...

Gua-sta Blog ha detto...

Ci sono uomini così, ma per fortuna non tutti. Bisogna sperarci almeno...

danske ha detto...

che coglione. mi stressa una vita sola a me, pensampo' averne due parallele che devi far pure combaciare e devi sta attento a non sputtanarti... lascia fà...

Valentina V. ha detto...

Quoto Gua-sta Blog e Danske... hanno riassunto il mio pensiero...

Che tristezza e che enorme pena però.